Ma con chi stai parlando?

Chi? Cosa? Che stai dicendo?

No niente, è solo che mi piace ciò che hai detto…

Ma guarda che in questa stanza non c’è nessuno!

Si lo so, sto parlando con te…

Io chi? Non vedi che siete solo tu e la tua chitarra? E non la stai neanche suonando, hai finito di suonare “wish you were here” 10 minuti fa e stai fissando il vuoto…

Il vuoto? E tu cosa sei allora?

Sveglia, io non ci sono, stai parlando da solo…..

Hai ragione, allora è il momento che smetta di distrarmi, devo tornare ai miei pensieri….

Quanto è strano in questi giorni avere un sorriso in faccia… Non ci ero abituato, erano anni che ero sempre la con il broncio, nervoso… Che brutto… Chi è che mi fa sorridere? Ho ripreso a essere una persona sociale, a parlare con gli altri, sono uscito dalla bolla che mi ero costruito intorno e sto scoprendo che c’è un mondo la fuori che non mi… Il mondo a cui pensavo di non appartenere…. Il mondo che mi aveva solo chiuso porte in faccia, e da cui avevo deciso di volermi estraniare…. E in cui alcuni miei amici hanno cercato di farmi rientrare, li ringrazio veramente perché le porte le avevo chiuse anche in faccia a loro ma sono sempre tornati a scuotermi e a chiedermi anche un semplice “come stai?” o “andiamo a vedere un film stasera?” di tanto in tanto…

Figo, cos’è cambiato?

Non lo so dire con precisione, un giorno mi sono svegliato e ho pensato una cosa inusuale, accendo il PC e… Carico quel gioco di auto con cui ho 1000 record nella community online e do una lezione a qualcuno online? No, non ne ho voglia, non lo faccio, voglio fare qualcosa di diverso… Non perché sia il momento di crescere, quella è una frase idiota fatta, ma perché ho voglia di pensare “è questo il modo in cui bisogna vivere”…

E cosa hai fatto di eclatante per tornare a vivere?

Niente di speciale, intanto ho iniziato qualche settimana fa guardando per l’ennesima volta “Pulse DVD2” e ho sognato ascoltandolo, poi mi sono vestito, ho messo su il sorriso, e sono uscito in bicicletta…

Wow, e dov’è che saresti coraggioso?

Esci, dimmi quante persone vedi sorridere… Io vedo tutti con lo sguardo chino sul telefono, a parte qualche giovane universitario all’uscita da lezione che sale sullo stesso tram con dei colleghi sono tutti con il broncio, tutti tristi…. Non è quello il modo in cui voglio vivere la mia vita, non è cosi che si vive…

Ma hai solo guardato un dvd e poi sei uscito, non sei diverso da loro, hai solo un po di dopamina libera nel cervello, ecco perché sorridi…

L’obiettivo non è essere diverso dagli altri, quello era solo l’inizio, poi sono successe altre cose… Essere felice non è una cosa che si fa contro gli altri, è qualcosa che si fa per se stessi, e poi sai quante cose sono diverse se sei felice? Quante cose ti accorgi di saper fare meglio? Quanta energia hai? Lo sai che essere felici fa consumare più calorie? Se vuoi metterti a dieta inizia da qua, inizia a essere felice, ho fatto allenamenti da 1000 calorie in momenti di noia e ne ho bruciate solo 600, ne ho fatto altri da 500 quando ero felice e ne ho bruciate 700… Ho suonato a 120 bpm da triste riuscendo a prendere tutte le note ma ho mancato il tempo in un sacco di assoli, da felice non me ne frega niente dei record di bpm ma ho preso tutti gli attacchi di un brano che mi sembrava impossibile… La felicità però non è matematica, va coltivata e bisogna sperare che il raccolto sia buono… Tutto qua…

Sai che sei inconcludente vero? Dici tutto e il contrario di tutto… Ma come si fa ad essere felici come dici tu quindi?

Non si fa, succede, sta alle persone cercare di non comportarsi da stronzi, poi i momenti felici arrivano senza avvisare, non sono il risultato di un’equazione, non sono un esame da 30 e lode, quella è matematica, è una soddisfazione certo, ma la felicità è un po diversa, non ha cause, ha solo effetti, e tranquillo che arriva, se non oggi domani, qui nessuno ha fretta…..

E intanto io me ne sto qua, appoggiato sulla mia chitarra acustica a fissare il muro e a pensare, chissà cosa, chissà perché, ma oggi sono felice così….

Vi starete chiedendo “cosa ho appena letto?” ebbene, questo è l’estratto di un discorso andato in onda nel mio cervello, una sorta di viaggio ad occhi chiusi, un discorso che non ho spiegato a parole in quel momento, ma che ho suonato, è un assolo, un semplice assolo blues, improvvisato su una scala di Re minore, sono le frasi, gli alti e i bassi, le ripetizioni ogni tanto, le note che salgono e quelle che scendono, i giri più allegri e i giri un po più tirati con il freno a mano, è ciò che inizia a passare quando anziché la tecnica usi ciò che insegna David Gilmour da sempre e che mi piace ascoltare in Pulse, è il modo in cui mi piace di più suonare, ma che forse mi riesce meglio quando non c’è un pubblico a giudicare…

Annunci

Messaggi con la cugina

Piccolo estratto di una conversazione con una mia cugina che era stata lasciata e stava passando un periodo buio, allora ho voluto aiutare come mi sembrava giusto…. Ve li lascio leggere perché chiunque può avere certi periodi e aiutare le persone per me è un onore…

Alla fine non esistono errori ai quali non si può rimediare, siamo giovani e ci sembra che il futuro sia determinato da ciò che facciamo oggi e che tutto sarà così per sempre, in realtà poi dopo tempo ti svegli e i problemi che ti affliggevano tempo fa non sono più rilevanti, i rapporti con le persone sono una continua evoluzione, ma bisogna sempre capire chi siamo e quanto valiamo, imparare a stare anche soli nelle difficoltà e superarle da soli, ci vuole tempo lo so ma si può e si deve fare…..
Sappi che parli con uno che doveva laurearsi l’anno scorso, ho avuto un periodo nero a novembre e prima di ritornare ad avere la testa a posto sono arrivato a maggio senza aprire un libro e molto demotivato….

Ora voglio finire e mi sto impegnando ma ho perso un anno della mia vita, non ho niente di cui pentirmi però, ho ritrovato me stesso e anche se al giorno d’oggi il mondo ti taglia fuori facilmente mi sto tirando su di nuovo… pazienza per il ” se avessi fatto un anno prima”, ormai sono qua e posso solo andare avanti…

La motivazione è difficile da trovare, ma se non ritrovi te stessa non ritrovi neanche le passioni che ti hanno spinta a scegliere la tua università e senza quelle la voglia di studiare chi la vede….

Io nel percorso ho perso anche i pochi amici che mi ero fatto all’università, ma senza di loro ora sto bene, se li ho persi vuol dire che per loro non ero importante…

Eh io posso dirti che per fortuna ho sempre avuto la musica, è più di una compagnia per noi musicisti, ma mi rendo conto che ci vuole anche altro… ho iniziato a curarmi, e a trattarmi bene, perché alla fine se dovevo trovare me stesso dovevo anche essere la versione migliore di me stesso, e non esiste che perché una persona mi ha deluso allora io devo prendermela con me e tralasciare il fisico, o non volermi bene… La cosa migliore forse è quella, volersi bene, capire che meritiamo di meglio, che ci siamo fatti abbindolare da qualcosa che non era in noi, che siamo cambiati per una persona che non meritava, e dobbiamo ritrovarci… Tu non hai niente di sbagliato se le cose sono andate male, le cose sbagliate le avevano gli altri, non hanno saputo apprezzare quanto di buono c’era in noi e allora? Forse il dubbio che si insinua sempre nelle persone che hanno qualcosa di speciale è di essere sbagliati, allora ci facciamo cambiare e plasmare dal primo idiota che ci sembra “giusto”… Ma poi uno si trova disorientato quando torna solo, non sai più se la persona che eri prima c’è ancora, non sai se puoi essere una versione migliore di te stesso…

Poi è questo che forse ti deve fare andare avanti, la consapevolezza che tu domani puoi essere migliore di oggi, le ferite con il tempo si cureranno da sole e finalmente capisci che ciò che non doveva andare per fortuna non è andato, per fortuna è tutto finito prima che fosse ancora più tardi…

E dal passato finisci per imparare e ti conosci forse un po di più…

Il tempo ce l’hai, anche se per ora non lo vedi e ti sembra di non averlo, un passo alla volta è più che sufficiente per iniziare!

È naturale, perché siamo abituati ad una società in cui devi essere sempre il primo, sempre di corsa, la laurea nei 5 anni, il lavoro prima dei 27, morire lentamente ogni giorno prima dei 70, aspettare la morte affacciati alla finestra dai 70 in su quando in realtà siamo già morti dentro da anni perché non abbiamo avuto il tempo di tenere a noi stessi quando dovevamo….

Il tempo c’è ed è adesso, il tempo di volerti bene e trattati bene è questo!

Dopo ritrovi anche la L***a che voleva iscriversi all’università e fare grandi cose, ma se non la ritrovi sarai sempre a fare le cose perché costretta dall’avanzare dei giorni!

Figurati… So cosa vuol dire e come sia brutto affrontare certi momenti, ma so anche che è più brutto affrontarli da soli, ecco perché ho voluto parlarne…

Piccola nota, poi le persone di merda sono così furbe da far passare te per la persona che ha sbagliato, ti danno la colpa, e siccome sei una brava persona ti lasci ancora convincere da loro e credi di avere veramente colpe che in realtà non hai!
L’unica colpa è aver avuto legami con certe persone che non ti hanno saputo apprezzare, non sono stati capaci di vivere nel tuo mondo che era sicuramente migliore del loro, peggio per loro, troveranno la persona mediocre che cercano… E che meritano…

Io ti posso raccontare una cosa che ho notato, anche quando pensavo di essere solo, i miei genitori solitamente se qualche anno facevo solo uno o 2 esami spesso mi hanno fatto ramanzine e si sono arrabbiati con me, quest’anno devono aver capito le mie difficoltà e non mi hanno detto niente…. eppure l’anno scorso volavo diretto verso la laurea e poi mi sono fermato… Evidentemente anche se a volte non sanno come aiutarci, non per inesperienza ma perché non sono argomenti di cui spesso si parla con i figli, o perché comunque i problemi a gela non mancano a nessuno, ma in fondo qualche piccolo gesto da parte loro lo possiamo vedere e capirlo… ed esserne grati…

A volte sapere che non siamo soli ad avere certi problemi ci aiuta a capire che non abbiamo fatto niente di sbagliato…

Fine.

Oggi questa mia cugina la sento un po meno, però vedo su facebook che ha nuove amicizie e sta bene, e la cosa mi fa solo piacere, sono un po felice di esserle stato vicino in quel periodo da cui lentamente sta uscendo in maniera positiva…

Copyright , pirateria e proprietà intellettuale…

Siamo nel 2016, tutti abbiamo internet, tutti abbiamo la tecnologia, ma fondamentalmente tutti abbiamo la pirateria… Non sottovalutate il grande potere della pirateria, la cultura è diventata gratis, possiamo scaricare libri, film e musica, grazie a questo ci sono state date opportunità che i nostri nonni molto spesso non potevano permettersi e dovevano rassegnarsi a vivere senza… La cultura è diventato un bene comune… Una simile opportunità non sarebbe da sprecare scaricando solo contenuti spazzatura e virali… E magari se smettessimo anche di rendere famose le persone stupide sarebbe fantastico…

Ti piace ciò che fai? Lasciali parlare!

wealthy_vibes_2016-02-13_01-27-34

Ci sarà sempre, qualsiasi cosa farai, chi ti dirà che sbagli, e allora? Tu fai ciò che ti piace o no? Lasciali parlare, loro non so cosa facciano, sicuramente nella vita l’unica vittoria che avranno sarà quella di aver parlato male di te, il loro più grande traguardo sarà quello di buttarti giù, nella vita non faranno mai un cazzo, spaleranno solo merda su chiunque fa qualcosa che gli piace, che segue le proprie passioni, perché loro non possono, non perché non se lo possono permettere finanziariamente, ma perché non hanno il carattere di sbatterci la testa, di sbagliare e di fallire per ricominciare, ma tu, che fai un sacco di cose che sono la tua passione insisti, sbaglia e ricomincia, prima o poi avrai il tuo momento di gloria, ma non perché sarai ricco e famoso, ma perché suonerai, reciterai, ballerai, o ti esibirai come avresti sempre voluto, per chi avresti voluto… Quelle persone sono esseri mediocri e non sanno fare altro, quella è la loro massima aspirazione nella vita, l’unica cosa che possono avere dalla loro vita di merda, loro saranno sempre nel loro paese a parlare male di altre persone che come te credono in ciò che fanno senza vergognarsene!

La salita è dura, ma che spettacolo dalla cima!

Sabato 18/06
Solitamente per concludere la mia settimana di allenamento in bellezza, il sabato, vado a correre 10 km in giro per le strade di Torino, ma dato che durante la settimana ho dato tanto in allenamento voglio riposare, decido di prendere la bicicletta del bike sharing e fare un giro breve, magari salire sul monte dei cappuccini in centro, cosa da poco giusto per far lavorare un po le gambe anche se non troppo…. Arrivo alla base della collina torinese e sbaglio strada, non trovo subito quella che cercavo, ma mi ritrovo di fronte degli scalini…. No niente allora devo tornare indietro e cambiare strada, la traversa dopo, no non è neanche questa, saliamo ancora, non ci sono più traverse e che si fa? Si torna indietro? Ma io ormai mi sono riscaldato perché non continuare la salita?
Ecco ora inizia il vero racconto, chilometro dopo chilometro sento le gambe che non sono al 100%, diamine, ieri ho allenato le gambe, ma che sto facendo?
Però so di poter proseguire e salgo ancora, arrivo alla villa della regina, giro intorno, il telefono dice che ho percorso 8 km, io sono sempre più stanco, non ho la bici adatta a una scalata, è una bici da passeggio, ma niente non ho voglia di mollare….
Salgo, salgo e salgo ancora, penso che le persone in macchina che mi incrociano devono vedere che sono veramente stanco, guardano incuriositi, forse me o forse la bici scassata che sto usando, e io sto grondando sudore, però so di essere oltre la metà, ma metà di cosa? Non lo so neanche io, però vedo i ripetitori della Rai, che vedo in lontananza anche da casa mia che sono sempre più vicini, e mi sono messo in mente che non sono troppo lontani, devo raggiungerli.

Salgo, vado avanti, mi supera un ciclista con una di quelle bici in carbonio con le marce corte, quanto lo invidio, fa un cenno, ricambio il saluto, sono sfinito, non esce un filo di voce.

Salgo…

Non penso di averne più, mi fermo, eppure…. Le antenne sono vicine…. Allora non mi arrendo, un po a piedi si può proseguire, e vado, faccio un po di strada, poi sento di farcela, si torna sulla bici, si pedala….

Salgo….

La storia è la stessa un po’ si pedala un po si cammina, ma l’importante è andare con le mie forze, prima o poi finirà no? E poi oggi è il mio primo giorno da 25enne, lo vogliamo ricordare? E come lo ricorderemo, come il giorno in cui ce l’ho quasi fatta o in cui ce l’ho fatta? Non esiste “quasi fatta”, a chi lo racconti? O ce l’hai fatta o non ce l’hai fatta, a nessuno interessa il “quasi”.
Mi torna anche in mente chi dice che il ciclismo è una metafora della vita, la salita è pesante ma devi farcela con le tue forze, solo tu puoi pedalare sulla tua bici, niente scorciatoie, in quel momento si vede chi vale veramente…

Salgo….

Sono sfinito ma sono arrivato una rotatoria, e vedo un po di pianura, allora prendo in quella direzione, ecco le antenne Rai, sapevo che ci sarei arrivato! Le gambe hanno recuperato un po di forze, mi riposo un po, scendo dalla bici, e mi guardo intorno…. Strano però che non ci sia un punto da cui fare una bella foto panoramica di Torino, eppure da qua su, si dovrebbe vedere bene…. E niente dall’altra uscita della rotonda si vedeva una salita, magari salendo un po c’è uno scorcio….
Solo che questa salita è più ripida, ma so di essere vicino, allora proseguo….

Salgo….

È pesante ma ormai la curiosità è troppa, dove porta tutta questa salita? Vedo delle indicazioni, colle della Maddalena, le seguo, trovo un disco pub, strano posto però magari è per la visuale? La salita è sempre meno ripida, e io penso di essere vicino alla cima, ho voglia di vedere dove mi ha portato tutto questo grande sforzo, ed ecco che arrivo, c’è un piccolo parco, entro, ci sono delle targhe a dei soldati morti intorno al 1916, 1917, e 1918, e si vede una statua, sarà la Maddalena! Arrivo in cima, ecco il panorama che volevo vedere, si vede tutta torino, sono nel punto più alto della collina torinese, è il momento di riposare un po, di fare un po di stretching, sennò le gambe non le ritrovo più per una settimana, una volta che finisco è il momento di godersi lo spettacolo, l’aria fresca, guardo la statua, leggo la dedica ai soldati e ai lavoratori, faccio un po di foto, sono felice, ho raggiunto questa vetta con una bici da passeggio con appena 7 rapporti, una bici da passeggio per la città,  infatti arrivano altri ciclisti e corridori che passano da qua perché fanno i percorsi nei sentieri di questo colle, la cosa che mi chiedono in molti è se veramente ho fatto quella salita con una bici da passeggio, mi fanno i complimenti, io sono stanco ma soddisfattissimo, un quarto d’ora di riposo e ora si torna giù…

image

image

image

image

image

image

image

Certo scendere è molto più facile e devo dire che il vento contro fa sentire freddo, per fortuna ho portato il giubbotto primaverile! Chiuso fino al collo e si scende…. Man mano che scendo incontro tanti altri ciclisti che fanno la scalata, beati loro con le bici serie, non come la mia…. Poco importa anche questo ha reso il tutto più faticoso ma bello…

Scendo…

E la discesa non finisce più,  ma veramente ho fatto io tutta questa salita? Oggi? Wow… Non pensavo!

Arrivo in città, poso la bici vicino piazza Vittorio Veneto e vado ad aspettare il tram, non pedalò più, non oggi, oggi ho dato tutto e ho un sorriso enorme stampato sulla faccia, non so perché mentre cammino mi tornano in mente le parole di Andrè Agassi: “la gioia della vittoria è poca cosa in confronto alla rabbia per la sconfitta” e penso “magari perché la gioia della vittoria è più intensa e brucia più in fretta”… Ci voleva, sto bene, oggi sono felice…

Piccole dosi di anni 90… (usare con cautela)

Si parlava qualche giorno fa, di come facevamo a condividere un video con un conoscente negli anni 90,  oggi è facile trovare di tutto, apri internet, scrivi youtube.com, un paio di ricerche e hai trovato, ma prima che esistesse questa comodità era tutto così diverso!

Prima di tutto uno dei due doveva avere la videocassetta con il video interessato e interessante, poi per passarlo all’amico non gli bastava solamente dargli la videocassetta, perché se il video era veramente interessante magari l’amico voleva averne una copia, allora ecco che bisognava portare un videoregistratore uno a casa dell’altro, collegarli con le prese scart in un modo che neanche una laurea in elettronica poteva assicurarti che fosse corretto, e fare play dall’originale (obbligatoriamente senza talloncino per evitare errori) e REC sull’altra, (obbligatoriamente con il talloncino in carta piegata mille volte, e con registrato il saggio di danza della sorella, cugina, cugino, o comunque qualcosa di certamente meno importante) allora a che velocità fai la copia? Ah già solo una velocità disponibile, 1x…. E quindi dovevi aspettare ore perché tutto il video scorresse……

Le cose sono cambiate tantissimo, certo, ma pensando a quei tempi, in cui youtube non esisteva, quanto tempo non sprecato che riuscivamo ad avere, io ricordo di gente che andava addirittura a fare sport (e non faceva il selfie alla fine tutto sudato per fare vedere che lo aveva fatto), gente che suonava, chi ballava, chi faceva palestra, chi leggeva e aveva la passione per la lettura, chi usciva e parlava con le persone vere(ohmioddio pazzi!),  o altro, chiunque faceva qualcosa, certo anche oggi molte persone fanno qualcosa, ma viene anche da pensare spesso a tutte quelle persone che passano il pomeriggio a fare ricchi gli “youtuber”, passando tutto il tempo a guardare video su video, ce ne fosse uno intelligente poi di tutti quei video che vedono, ma come si può passare un pomeriggio così? Io che sono cresciuto praticando sia sport che musica, vedo tutto questo così strano, così anormale, perchè non sono mai stato abituato a perdere tempo, se avevo tempo libero, uscire con le persone, parlare, e anche fare una telefonata era un piacere immenso.

Ora che ci penso, invece non chiamo neanche i miei cugini da tanto tempo, ma perché? Come se avergli messo un mi piace ieri  avesse lo stesso sapore, o volesse dire “a posto, ti ho messo mi piace, vedi che ti penso? Sono una brava persona”… O come se gli auguri di compleanno scritti sulla bacheca fossero la stessa cosa del sentire la voce anche solo al telefono, veramente, non lo capisco…. Tutte queste riflessioni mi vengono in mente perché qualche giorno fa prima di portare il mio “smartphone” in garanzia pensavo “Eh ma sta garanzia S*****g che se lo tiene un sacco di tempo, la prossima volta che devo spendere soldi per un telefono voglio un ****** che lo prendono e subito ti restituiscono un telefono nuovo in sostituzione, non lo stesso semplicemente riparato”…. Beh però mi ha dato modo di riflettere, mi ha lasciato senza i “socialnetworms” a inseguirmi ovunque, anche se non sono il tipo di persona che sta sempre a guardarli, anzi per non farmi letteralmente seguire li disconnetto ed effettuo l’accesso solo quando ho voglia di guardarli, però ho ritrovato i miei spazi vuoti nella giornata, quegli spazi in cui nei cari vecchi anni 90 avevo tempo per guardare il soffitto, suonare un pezzo extra, rilassarmi e pensare, addirittura ricordo che c’era uno spazio vuoto in cui ascoltavo le campane della chiesa mescolate con il cinguettio degli uccelli che stavano negli alberi vicino casa mia… Solo che, dannazione, una chiamata non l’ho ancora fatta, quella è più difficile da fare, ormai tutti sono così indaffarati in ogni momento che ho paura di disturbare, poi dopo anni che non telefono ho perso l’abitudine e non saprei proprio quanto parlare e cosa dire….

A volte mi mancano gli anni 90, però sono convinto che usare la tecnologia con il giusto dosaggio possa essere anche una comodità, un piacere, come vedere una foto di una persona che non vedi da tanto e pensare “sta bene, mi fa veramente piacere”, e lasciare un mi piace sincero, non un mi piace così tanto per… E spero di continuare a fare così, come sto facendo in questi giorni che ho potuto riscoprire tante di quelle cose che avevo perso, perché si devo dirlo, non avevo più spazi vuoti nella giornata, nemmeno per scrivere un articolo sul mio vecchio blog, che devo ammetterlo, sì, è ancora il vecchio blog creato ai tempi di msn….

Tanto da scrivere, poco tempo….

Che brutto quando avresti tante di quelle cose da scrivere, ma i giorni non ti lasciano tregua, passano tutti così in fretta da fare spavento…. E anche stasera mi ritrovo a dire: i miei pensieri li lascio uscire domani, caricherò ancora le mie riflessioni senza lasciarli andare, senza usare quella valvola di sfogo di cui avrei bisogno, e purtroppo perchè è già l’1 e 30 e io domani ho tanto da fare…. Troppo…. Come ogni giorno….