Copyright , pirateria e proprietà intellettuale…

Siamo nel 2016, tutti abbiamo internet, tutti abbiamo la tecnologia, ma fondamentalmente tutti abbiamo la pirateria… Non sottovalutate il grande potere della pirateria, la cultura è diventata gratis, possiamo scaricare libri, film e musica, grazie a questo ci sono state date opportunità che i nostri nonni molto spesso non potevano permettersi e dovevano rassegnarsi a vivere senza… La cultura è diventato un bene comune… Una simile opportunità non sarebbe da sprecare scaricando solo contenuti spazzatura e virali… E magari se smettessimo anche di rendere famose le persone stupide sarebbe fantastico…

Ti piace ciò che fai? Lasciali parlare!

wealthy_vibes_2016-02-13_01-27-34

Ci sarà sempre, qualsiasi cosa farai, chi ti dirà che sbagli, e allora? Tu fai ciò che ti piace o no? Lasciali parlare, loro non so cosa facciano, sicuramente nella vita l’unica vittoria che avranno sarà quella di aver parlato male di te, il loro più grande traguardo sarà quello di buttarti giù, nella vita non faranno mai un cazzo, spaleranno solo merda su chiunque fa qualcosa che gli piace, che segue le proprie passioni, perché loro non possono, non perché non se lo possono permettere finanziariamente, ma perché non hanno il carattere di sbatterci la testa, di sbagliare e di fallire per ricominciare, ma tu, che fai un sacco di cose che sono la tua passione insisti, sbaglia e ricomincia, prima o poi avrai il tuo momento di gloria, ma non perché sarai ricco e famoso, ma perché suonerai, reciterai, ballerai, o ti esibirai come avresti sempre voluto, per chi avresti voluto… Quelle persone sono esseri mediocri e non sanno fare altro, quella è la loro massima aspirazione nella vita, l’unica cosa che possono avere dalla loro vita di merda, loro saranno sempre nel loro paese a parlare male di altre persone che come te credono in ciò che fanno senza vergognarsene!

Notte di transizione, note di transizione…

Mi trovo in casa, chitarra in braccio, note a volontà, poca voglia di festeggiare un anno nuovo, tanta paura del futuro, tantissima voglia di viverlo e affrontarlo… 2016…. Già il numero non è niente male, 2 multipli del 4, e non suona neanche tanto cacofonico come suonavano prima il 2015 o il 2014, suona in maniera molto più dolce… Vorrei che fosse anche un anno più lento, ne avrei veramente bisogno… Devo dire che negli ultimi anni mi sono sempre trovato a correre, dietro a qualcuno, dietro a qualcosa, sempre una frenesia, senza fissa dimora, senza mai fermarmi per più di un ora a pensare a me, cosa che forse ho iniziato a fare in questi ultimi giorni del 2015… Ho messo un po tutto in pausa, non mi sembra normale, ma ho preso un paio di giorni per osservare ciò che ho intorno… Il mare, i tramonti, i paesaggi, le persone, le maschere che non comprendo, i dipinti, le strade… Quante cose mi sono sfuggite? Molte, non ho più fatto attenzione a niente, non ho fatto attenzione a chi sono io, ho soffocato i miei pensieri per tanto tempo, e mi viene difficile tirarli fuori adesso, però appena posso provo a farlo, mi piace scrivere, mette tutto in chiaro, è un po come parlare con una persona, la sola differenza è che non mi sento giudicato, perché tanto puoi tornare indietro, cancellare, e pensare nuovamente ciò che volevi dire, magari pensarlo anche per la prima volta nella maniera giusta ed essere meravigliati, un po’ dire “wow ben detto”… Ecco perché continuerò a farlo nel 2016… Diciamo che ora vorrei passare agli auguri per il nuovo anno…. A chi li devo fare questi auguri? Non ho nessuno in particolare a cui fare auguri in questo momento, a furia di correre mi sono trovato in un periodo della vita in cui non trovo molta gente intorno, sarò in testa, sarò indietro, avrò sbagliato strada, non lo so, magari sto passando per una scorciatoia, o magari allungo e quando avrò ripreso il percorso giusto capirò che magari ho fatto una strada più bella, dopotutto come nella corsa anche nella vita ciò che conta non è tanto la fatica quando si è soddisfatti della propria prestazione, degli ostacoli superati, e dei pensieri che si sono susseguiti dentro la nostra testa… Quindi auguro un buon 2016 un po’ a tutti… Lo auguro a chi ha voglia di lottare in questo nuovo anno, a chi ha voglia di mettersi in gioco, a chi pensa che ne valga la pena e a chi ha voglia di rialzarsi con coraggio, fregandosene delle conseguenze, chi ha voglia di combatterlo a muso duro, a chi ha smesso di combattere e raccoglie le forze, a chi non sa cosa vuole ma si impegna a cercare dentro di sé una risposta, a chi si circonda delle persone giuste… A chi vuole continuare a sognare… Vi auguro di prendere questo nuovo anno, e fargli vedere chi siete, anche perché poi non potrete tornare indietro e cambiarlo, quindi conviene agire sul momento… Buon 2016, e spero che siate soddisfatti pienamente di questo 2015… Mancano poche ore, siamo ancora nel 2015, quindi il mio consiglio è anche questo, se avete qualcosa che vorreste fare ma che avete paura che possa rovinare l’inizio del 2016 nel caso vi andasse male, perché non farlo nelle ultime ore del 2015? Tanto sta quasi finendo, non sarà un ultima azione a rovinarvelo no? Tanto poi stasera si brinda, al limite fate un paio di brindisi in più e non ci pensate neanche….

Perchè siamo tutti pazzi, e abbiamo paura dei pazzi…

Vi è mai capitato di vedere quei film ambientati in ex manicomi, o documentari in cui si narrano le storie di manicomi, fantasmi e cose del genere? Magari quelli in cui si vedono i muri completamente pieni di scritte pensieri strani, parole a caso, che fanno anche un po paura a vederli, a pensare che la dentro c’è stato qualcuno che ha passato tempo a scrivere quelle cose… Bene… E se noi non avessimo i nostri smartphone, i nostri pc, la nostra bacheca di facebook, il blog… Dove li scriveremmo i nostri pensieri? Su un diario? E se non avessimo neanche quello, neanche un foglio di carta, niente di niente… Bene… Ecco a voi i pazzi che fino a oggi non hanno scritto sui muri…..

Convegni su Pirandello

Carù sono stato ad Agrigento con i miei compagni lunedì 7 e martedì 8 e ce la siamo scialata!!!! C’erano persone da tutta la sicilia e anche fuori e la cosa più bella è stata che eravamo senza professori e potevamo fare quel che volevamo… E abbiamo visitato Agrigento con don Giuseppe e la mia mitica FIAT Uno!!!!! Al limite la responsabilità era di Mauro!!! E’ stato bellissimo e abbiamo conosciuto persone nuove… Chista è scola seria!!! Non abbiamo dormito per quasi 2 giorni se non a tratti prima dei convegni che si prendevano intere mattinate e serate… Troppo bello!!! Bisognerebbe farne più spesso cose di questo genere… \,,/ ;-D