Discorso a Monica…

Scusa cara mia, ma io proprio non ti capisco, qualche giorno fa hai pianto con me dicendomi “non so cosa voglio fare della mia vita, non so come sarà il futuro, ho paura del tempo che avanza e di non realizzare mai niente”, ma cosa stai facendo per cambiare questa tua situazione? Stai scappando, ti rifugi nel sesso con chiunque capiti, ti dai a questa vita fuori controllo in cui esci e ti ubriachi, e non te lo puoi permettere! Hai 25 anni, sei giovane, ma non ne hai più 20, non sei più in quella fase della vita in cui puoi permetterti di non conoscere la tua strada, in cui potevi permetterti la spensieratezza, anche se hai vissuto dei drammi che spensieratezza te ne hanno data poca, e se non conosci la tua strada dovresti essere vogliosa di trovarla con tutta te stessa, prova, buttati, appassionati di tutto e fallisci, e ricomincia da capo, prova il volontariato se proprio vuoi aiutare le persone, non hai bisogno di andare fino in africa, puoi anche andare alle mense per poveri e alla croce rossa, conosci altre persone che siano simili a te, ricordalo, cazzo, ricordalo ogni giorno da qui ai 30 anni che sei nella parte della vita in cui devi costruirti il futuro, fallisci adesso e non ne avrai MAI uno, MAI! Lavora bene adesso su te stessa e avrai il migliore che potessi desiderare, taglia le stronzate, taglia il sesso occasionale anche se so che ci siamo conosciuti così (o meglio non del tutto perché ogni tanto staccare la spina serve, ma riducilo perché ti fa perdere solo il contatto dal mondo reale), smetti di giocare, e prova a vincere una volta per tutte, o avrai solo una vita di rimpianti…

Saluti da uno che non è il “maschione” che ti domina a letto, ma nella vita reale i tuoi maschioni me li mangio a colazione, non so se ci rivedremo o se avrai voglia di sentirmi ancora ecco perché ti saluto…

Annunci

Capi di me***, la rovina del sistema lavorativo…

Sapete quando si capisce che si ha a che fare con un professore, o un capo che non sa fare il proprio lavoro? Quando minaccia l’impiegato di licenziarlo o lo studente di bocciarlo… Fa capire quante poche siano le loro argomentazioni e quanto si aspettino di essere trattati bene solo perché sono dei superiori… Quando non capiscono insomma che  hanno a che fare con persone che stanno offrendo un servizio e per il quale meritano di essere pagate, e non gli stanno facendo un favore a dargli un lavoro e a pagarlo…. In italia questa mentalità è piuttosto diffusa, bisognerebbe crescere un po’ come stato e imparare un po’ di più cosa sia il rispetto sia per se stessi che per gli altri…

Kisses

Le persone non vanno mai date per scontate… Chi oggi decide di sopportarvi e di esservi vicino domani potrebbe smettere di esserci… Soprattutto quando vi comportate male nei suoi confronti, quando pensate “ma si tanto non se la prende”… Per adesso non se la prende, ma sappiate che se la lega sempre al dito, e quando diventa un esperto di nodi per colpa vostra quella corda ve la lega al collo…

Ma tu non sei normale…

Ma che trovate hai? Tu non sei normale…

Ma come ti vesti? Tu non sei normale…

Ma quanto mangi? Tu non sei normale…

Ma quante ore al giorno suoni? Tu non sei normale…

Ma come fai ad allenarti ogni giorno a certi ritmi? Tu non sei normale…

Ma come non ti è piaciuto quel film? Tu non sei normale…

Non conosci nessuno youtuber nel 2017? Tu non sei normale…

Ma te ne vai di già? Tu non sei normale…

Potrei continuare all’infinito, ma io non mi reputo assolutamente una persona non normale… Ogni giorno, per molte delle cose che faccio e dico mi sento dire di non essere normale, ma io non la penso così dentro di me… Io sono una persona che si appassiona, a volte anche troppo, di molte cose, e non mi interessano invece molte delle cose che vanno di moda nel 2017… Non che reputi gli altri sbagliati, ci mancherebbe, la vita è la nostra, possiamo viverla come meglio preferiamo, non dobbiamo per forza assecondare la corrente ad ogni costo, niente ci obbliga, certo, tante volte la corrente è forte e quasi ci fa deviare, ci trascina un po, e non c’è niente di male alcuni giorni a lasciarsi trasportare un po, ma ciò che ci rende unici nell’andare con la corrente è solo essere la persona che cavalca l’onda… E non so se avete mai fatto surf, ma prima di cavalcarla l’onda devi percorrere parecchia acqua controcorrente e non essere normale…

Poi ad essere sinceri essere normali è una gran noia, come sono noiose tutte quelle persone “alternative” che ‘normal people scares me’, siete tutte uguali…

Tu non sei normale… Grazie!

Non lasciate che l’università vi tolga la vita…

Cosa sono io? Uno studente fuori corso, come chissà quanti la fuori nel mondo!

Però mi sono accorto di una cosa, le cose continuano a non andare bene, non capisco perché, sarà che non studio bene, o devo cambiare metodo, beh, non lo so… Però una cosa la so, che ogni volta che vengo bocciato nel solito schifoso esame di Fisica 2 mi trasformo, lascio che mi sovrasti, mi prenda e mi tolga la felicità, l’allegria, mi riduce completamente a uno schifo di vegetale, mi fa perdere le ambizioni musicali, mi fa perdere l’allegria(ripetuto perché dovete sapere che ne ho tanta solitamente), mi fa perdere me stesso… E questo non va assolutamente bene, per niente! Nessuno dovrebbe dare tutto questo potere a un esame e so che non sono l’unico, però le paure sono tante, il futuro che tarderà sempre ad arrivare, i continui sacrifici, essere mantenuto dai genitori, non essere in grado di togliersi uno sfizio perché ovviamente non si può pretendere troppo dai genitori e anzi bisogna essere grati di tutto, con i loro soldi avrebbero potuto fare quello che volevano invece stanno investendo in voi, e voi non vedete i risultati e state ancora peggio… Ma la cosa è molto semplice poi se la si guarda con altri occhi… Non può semplicemente essere che voi stiate investendo nel corso di studi sbagliato? Siete sicuri che ciò che state facendo vi piaccia? Davvero? O vi ritroverete da vecchi in una casa di riposo con il più grande risentimento della vostra vita di non aver fatto ciò che amavate? (su questa domanda fate molta attenzione, statisticamente è la risposta che viene data con maggiore frequenza dagli anziani nelle case di riposo)

E se vi dicessi adesso che in quelle case di riposo potreste anche non arrivare a finirci? Se vi dicessi che facendo qualcosa che vi piace potreste trovarvi ad amare il vostro lavoro e tenere attivo il cervello per tutta la vita? Se vi dicessi ancora che probabilmente facendo ciò che amate potreste ritrovarvi a essere talmente bravi, rilassati nel farlo, motivati, e mentalmente in forma da ritrovarvi intorno un bell’ambiente di gente che vi tratterà bene per tutta la vostra vita?

Ecco perché in questi giorni mi sto ritrovando a pensare tanto a ciò che ho, a cosa faccio e a cosa vorrei fare… Magari l’idea di essere un ingegnere che odia il suo lavoro e tutto ciò che fa mi fa paura… Magari vedendo come è finito mio padre a fare un lavoro che odia fino a oltre i 60 anni mi sono accorto che non ho tutta questa voglia di finire anche io così… E allora che si fa? Un po di cose semplici, iniziamo con alcune domande:

Cosa mi piace fare? Giocare a tennis, allenarmi, suonare la chitarra elettrica, leggere, ascoltare musica, andare ai concerti…

Cosa può essere un lavoro o un buon investimento tra questi? Prendere la certificazione coni come personal trainer, curare la preparazione atletica dei giovani tennisti, Insegnare musica, organizzare concerti, studiare come fonico…

Bene, siamo passati dalla negatività dell’università del “non so fare niente, non valgo nulla” a “cazzo quante cose so fare, quanto mi piacciono e quanto potrei farle bene…

Ecco perché negli ultimi giorni alcune persone speciali che ho intorno mi hanno fatto capire che non bisogna dare troppo peso alle situazioni attuali, all’esame fallito, all’essere uno studente fuori corso, e tutte queste cose negative che possono solo portare a pensieri negativi, i più negativi possibili, fino a rovinare anche i rapporti che avete con le persone e uccidervi (figurativamente)… Stava succedendo a me, ero diventato una persona con cui insieme neanche io avrei passato un minuto, non ero io, non era quella persona che i miei amici e amiche hanno imparato a voler bene, ero una persona scontrosa, arrivavo la sera a letto e non dormivo, mi veniva il nervoso per tutto, e cosa peggiore per me, non riuscivo a gestire le situazioni, bastava un niente per mandarmi in crisi, non cercavo di capire le persone intorno a me e ciò che facevano, ero veramente una pessima persona… Non deve succedere di nuovo, so di essere molto meglio di un esame, anche quando non sono in grado di passarlo, pazienza…

Flusso

Arrivo a quest’ora, dopo un’intera giornata tra libri, corse e stress, e tutto quello che voglio fare è accendere lo stereo, mettere su un cd blues/rock e smettere di pensare, staccare il cervello, ubriacarmi di musica, perché la realtà non la reggo più….. Questa realtà che poi di reale non ha niente, devi sempre sorridere e fare finta che vada tutto bene, anche se dentro di te solo tu sai quanto avresti voglia di tirare fuori il tuo dolore, di dire quelle parole seppur cattive come non sei mai stato a chi le merita, perché dentro di te lo sai quanto possa ferire una persona che tradisce la tua fiducia…. Però ti continui a ripetere “stai tranquillo, aspetta, certe persone quando rimpiangeranno ciò che hanno fatto sarà troppo tardi,  non hanno bisogno di una dose in più di cattiveria che magari le farebbe sentire più forti proprio adesso, aspetta, tranquillo, arriverà il momento in cui penseranno “avevo tutto ciò che potevo desiderare e l’ho perso” tu dopotutto sai di avere la coscienza pulita, di aver dato sempre il massimo a chi non lo meritava, l’unica cosa buona è che ora sai che non lo meritavano….
E ne ho anche per quei grandi amici che quando hanno bisogno di una persona che gli tiri su il morale si ricordano benissimo numero di telefono e indirizzo, ma quando si tratta di andare a divertirsi non si ricordano neanche che oltre alla persona che ha sempre la buona parola pronta a tirare su il morale sei anche una persona a cui piaceva divertirsi, e allora si sono dimenticati tutti…. Piaceva…. Si perché io da qualche anno a questa parte il divertimento l’ho dimenticato…. Sepolto…. A volte se ne escono con una frase fantastica del tipo “ah tu quella volta non c’eri” scusa chi non c’era? Io probabilmente ero a casa con la chitarra in mano un po annoiato, correggi la frase in “ah noi ci stavamo andando a divertire e chi ti ha cagato”….. Ecco ora è perfetta…..
Sento tanto il bisogno di persone intorno, ma poi a pensarci bene, queste persone che hanno da darmi? Le solite 4 battute scontate da social network e poi? Mah forse di gente del genere intorno non ne ho proprio bisogno…. Mi converrebbe farmi forza da solo e rialzarmi come ho sempre fatto, che forse quella persona che vado cercando sono io stesso….. Poi una volta, che uno si basta da solo capisce di poter resettare la rubrica e ricominciare da zero…..